VIRULENZE – paziente 1

VIRULENZE – paziente 0

Arresti a Bologna

L’ennesima ondata repressiva che si è scatenata lo scorso 13 maggio ha portato in carcere 7 compagni, e altri 5 hanno l’obbligo di dimora

I compagni arrestati sono 7, Elena, Guido, Zipeppe, Leo, Nicole, Stefy e Duccio.
Altri 5 compagni hanno l’obbligo di dimora a Bologna.

I compagni e le compagne sono accusati di 270 bis, associazione con finalità di terrorismo anche internazionale o di eversione dell’ordine democratico. Altri reati contestati sono il 414cp (istigazione a delinquere), 639cp (deturpamento e imbrattamento), 635 cp (danneggiamento di sistemi informatici o telematici di pubblica utilità), e ad una solo persona incendio.
libere tutte e tutti
fuoco alle galere

Qui sotto gli indirizzi per mandare solidarietà

Elena Riva e Nicole Savoia
Str. delle Novate 65
29122 Piacenza

Duccio Cenni e Guido Paoletti
Via Arginone 327
44122 Ferrara

Giuseppe Caprioli e Leonardo Neri
Strada Casale 50/A San Michele
15122 Alessandria

Stefania Carolei
Via Gravellona 240
27029 Vigevano (PV)

Qua invece qualche scritto in solidarietà:

05-13 Ritorno alla normalità

05-14 Bologna solidarietà

05-16 Genova-solidarietà ai bolognesi 

05-17 Potrebbe colpire chiunque

Alcuni blog interessanti

Qui sotto una lista di blog, alcuni nati in questi mesi di pandemia, altri già presenti da prima, dove trovare spunti, riflessioni, aggiornamenti, a partire da questi tempi di pandemia.

https://lanavedeifolli.noblogs.org/

https://frecciaspezzata.noblogs.org/

https://ilrovescio.info/

Spread the fire

 

Lettera di un anarchico ad un democratico in tempo di epidemia

Questo scritto sarà polemico, certo, ma vorrei non sembrasse uno sguardo giudicante, né tantomeno la sentenza di chi ha la verità in tasca. E per quanto una parte di ostilità vi sarà inevitabilmente contenuta, vorrei che questa ostilità, questo conflitto tra idee e pratiche diverse, venissero colti, per una volta, come una critica costruttiva e, in un certo senso, fraterna. Questo è lo scritto di un anarchico, che rifiuta lo stato, la religione, l’autorità e tutto il resto: se siete arrivati a leggere fino a qua so di non aver bisogno di spiegarmi meglio. Ed è uno scritto, questo, rivolto a chi, da democratico convinto, si ritiene erede della lunga tradizione della cosiddetta sinistra italiana, o almeno di buona parte di essa. Vorrei quindi che queste poche righe venissero lette come una lettera a dei lontani cugini, con cui, per fondati ed insanabili contrasti, da tanto tempo non si hanno contatti. Con cui tuttavia, che piaccia o no, un legame di parentela lo si condivide inevitabilmente. Siete gli eredi di Mazzini e di Garibaldi, dei repubblicani e dei socialisti che a fine ‘800 e inizio ‘900 scendevano in piazza, lottavano e morivano insieme agli anarchici. Avete combattuto con ogni mezzo contro la monarchia sabauda e lo stato borghese, avete sobillato sommosse e compiuto attentati. Poi avete ottenuto il potere e le cose sono cambiate ma, in fondo, credo, avete ancora quel sangue nelle vene.

Quindi, dopo questa sfacciata captatio benevolentiae, veniamo all’argomento della lettera: il virus. O meglio, ciò che sul piano politico è successo in queste settimane a causa dell’epidemia. Ed essendo anarchico ho in mente un piano politico piuttosto ampio: il personale è politico, il politico è personale. In questo mese vi ho visti cambiare, ho visto succedere cose che non pensavo potessero accadere così in fretta. Certo, erano tendenze che il movimento anarchico paventava da anni, ma non credevo che si potessero sviluppare così in fretta.

Ho visto la vostra ideale democrazia parlamentare, la “costituzione più avanzata del mondo”, evaporare da un giorno all’altro come se niente fosse. Nel giro di pochi giorni si è azzerato il dibattito parlamentare, i partiti sono spariti dalla vista e qualunque pluralità di visioni è venuta meno. Ci siamo svegliati invece con l’ennesimo uomo al comando, con decreti ministeriali a determinare ogni aspetto della vostra vita e con un’unica visione della realtà sbattuta in faccia a tutti da qualunque mezzo d’informazione. Non sto insinuando che sia una dittatura, non lo è; ma è qualcosa che, secondo me, per la vostra democrazia  è pericoloso.

Ho visto la polizia, i carabinieri, l’esercito, l’intero apparato repressivo dello stato, iniziare a chiedere conto di qualunque spostamento, di qualunque uscita di casa. Droni, elicotteri, telecamere, gli stessi cellulari e, non ultimo, il vicino di casa spione hanno creato qualcosa che non è “1984” di Orwell ma un po’ lo ricorda. Non hanno imposto il coprifuoco, sarebbe sembrato troppo oppressivo, ma in realtà ci hanno chiuso in casa fino a data da destinarsi. Insomma, da un giorno all’altro abbiamo perso il diritto di muovervi liberamente sul territorio nazionale. Di più, sono stati proibiti gli assembramenti e qualunque incontro tra estranei: in sostanza, è stato spezzato il diritto di associazione. Un tempo, quando venivate a costruire barricate insieme agli anarchici, qualcosa di molto simile a tutto ciò lo si chiamava stato d’assedio. A Milano, l’ultima volta, è finita con le cannonate del feroce monarchico Bava, vi ricordate? Stavolta no, c’è un gran silenzio.

Ho visto il tessuto sociale delle città sfaldarsi, perdere pezzi da ogni lato. Perché, mentre correvate tutti a disegnare arcobaleni e appendere tricolori, le persone hanno iniziato a guardarsi in tralice, a controllare se il vicino usciva per una corsa o andava una volta di troppo a fare la spesa. Il clima di sospetto è cresciuto, alimentato da comprensibili paure, e ha avvolti tutti come una nebbia fetida. L’intolleranza, l’intransigenza, il desiderio di disciplina imposta con le buone o con le cattive ha pervaso quel poco di rapporti interpersonali, per lo più telematici, che rimanevano. Ho visto la gente cercare dei capri espiatori, il governo fornirglieli, e tutti insieme sbranarli. Non è stato un bello spettacolo. Tra l’altro, questa fissazione del tricolore di fronte a un’epidemia mondiale la trovo quasi un insulto, sinceramente. C’è stato un tempo in cui siete stati internazionalisti…

Ho visto i costi sociali di questa quarantena, di questo blocco totale, venir completamente messi da parte. “State a casa” ha detto il governo, e tutti hanno ubbidito. Ma, intanto, gli operai al lavoro senza garanzie ci dovevano andare, pazienza. Qualcuno una casa dove stare non l’aveva, pazienza. Qualcuno uno stipendio per mantenersi senza i consueti espedienti non l’aveva, pazienza. Qualcuno i documenti regolari per accedere alle cure mediche non li aveva, pazienza. Qualcuno la solidità psicologica per rimanere in casa non l’aveva, pazienza. Qualunque situazione di fragilità sociale, economica, personale è stata ignorata. Se escludiamo una mezza marcia indietro di fronte alla reazione decisa dei sindacati, comunque poi aggirata, ci siamo trovati con una gestione che definire classista è poco. In fondo, riassumendo tutte queste “sviste”, si perviene ad una facile conclusione: le relazioni sociali, finanche gli esseri umani sono sacrificabili; l’economia, il profitto invece no. Non c’è poi tanto da stupirsi, questa è sempre stata la realtà del capitalismo. C’è stato un tempo in cui avete fondato leghe, cooperative, associazioni di mutuo soccorso…

Ho visto persone stimatissime spegnere il cervello, decidere coscientemente di non mettere in discussione nulla e affidarsi in tutto e per tutto alle decisioni governative. Ho visto chi tentava di esprimere un pur parziale dissenso venir accusato di follia, tradimento, disumanità, egoismo. Tra l’altro, l’egoismo non è una brutta cosa: è il riconoscere la propria importanza e il proprio intangibile diritto  Ho visto persone fare a gara nel mortificarsi, nell’annullare la propria vita sociale e ogni contatto umano, quasi che soffrire di più, sempre di più, potesse far passare più in fretta l’epidemia. Retaggio cattolico? L’odore stantio in effetti è quello. E infatti nel frattempo le uniche manifestazioni pubbliche delle vostre autorità governative sono state benedizioni di statue, processioni con spade miracolose e preghiere in diretta televisiva o streaming. E dire che, un tempo, avete assaltato le mura di Roma con il colpo in canna, per togliere a un papa l’influenza che non doveva avere.

Insomma, ho visto i fatti prendere una piega che non mi è piaciuta, come credo che non piaccia a molti di voi, e troppo poche voci alzarsi per protestare. Mi direte di farmi gli affari miei, che tanto per chi non crede nello stato poco cambia questa ulteriore involuzione. E invece no: primo perché se nessuno vive la propria libertà, diventa difficile farlo anche per chi lo desidera. Secondo perché, ricordando come siete stati un tempo, dispiace sinceramente vedervi in questa situazione, che molto probabilmente non vi piace e, almeno istintivamente, vi puzza anche un po’. E infine mi concedo due commenti pedanti da anarchico. Primo, le situazioni di emergenza fanno quasi sempre emergere le contraddizioni di un sistema politico ed economico. Anche questa epidemia ha in un certo senso costretto lo stato a mostrare il proprio volto cupo e repressivo, spogliandosi di vari orpelli piacevoli alla vista e riducendosi alla propria essenza: repressione e difesa del sistema economico a scapito dei ceti sociali più disagiati. Secondo, tutto questo è stato accettato perché temporaneo, ma siamo sicuri che, una volta finita l’emergenza, lo stato ripiegherà in buon ordine tornando allo status quo ante? O piuttosto non ne approfitterà per lasciare qualche silenzioso e poco appariscente tentacolo stretto attorno al collo di tutti noi? Chissà, magari una app che registri gli spostamenti di tutti, o il bisogno di un bel permesso per muoversi da una città all’altra…

Concludo, scusandomi se è sembrato che mi sia assiso in cattedra e augurandomi di incontrarvi presto sulle strade, magari pronti a evitare una pattuglia, liberi e a testa alta, come un tempo siete stati.

Con affetto, per l’anarchia.

COMBATTI IL POLIZIA VIRUS

SU CORONAVIRUS E DINTORNI

03-12 Il virus degli ogm nel salto di specie

03-14 L’insurrezione ai tempi del corona vairus

03-14 L’insurrezione ai tempi del corona vairus.docx

03-14 Per immunizzarci dal gregge

03-14 Per immunizzarci dal gregge

03-15 Cile – Una prospettiva anarchica sulla pandemia da Coronavirus

03-15 Incatenati alla corona

03-16 La viralità del decoro

03-16 La viralità del decoro.docx

03-18 La repressione è il nostro vaccino

03-19 Ai morti di Modena e ai suoi rivoltosi – uno scritto dal carcere

03-21 Ricette per il caos

03-24 Note epidermiche

03-26 Il colera avanza

03-26 La critica ai tempi del coronavirus

03-26 Mobilitazione totale

03-27 Covid19 e Stato totale-prospettive da sud

03-28 In ostaggio

03-28 Non tutto può essere militarizzato

03-28 Note-sparse-sul-morbo-che-infuria

03-29 Utopia della città perfettamente governata

03-31 Contributo su repressione e tecnologia

04-01 Spoleto – …per un vero sciopero generale!

04-02 A maggio fa ciò che ti piace

04-02 Il futuro non è scritto – un contributo sui possibili sviluppi della situazione attuale

04-02 La vita al bivio

04-03 Proposta per un 25 aprile che sia liberazione

04-03 Sulle rivolte di marzo

04-04 Primavera silenziosa

04-04 Sopravvivere al virus una guida anarchica

04-05 La civiltà del Contagio

04-08Genova – A proposito di pandemia e normalità

In merito a qualche pugno arrivato in faccia a Zamperini

QUANDO A LECCO QUALCHE PUGNO

ARRIVA IN FACCIA AL FASCISTA…

In questi giorni i quotidiani locali riportano la notizia di alcuni pugni in faccia presi in un bar dal politicante fascista di Fratelli d’Italia Giacomo Zamperini.

Che bello! Ogni tanto qualcuno rimanda al mittente la violenza che emerge in ogni discorso di questo putrido elemento politico locale.

Non possiamo non pensare a tutte le campagne razziste portate avanti da Zamperini, complice del clima d’odio e di guerra fra poveri che ci circonda. E portare avanti certe istanze rende complici di tutto ciò che poi si verifica. Gente di questo calibro è responsabile di migliaia di morti nel Mediterraneo o alle frontiere, uccisioni indiscriminate che meritano vendetta.

E se questi politicanti svolgono campagne di odio indiscriminato contro chi ritengono diverso e inferiore a loro (che siano immigrati, poveri, omosessuali o altro), un pugno in faccia diretto alla persona giusta è il minimo che si possa fare. Chi utilizza la violenza delle parole e del potere non può che aspettarsi che questa, ogni tanto, gli ritorni indietro.

Ricordiamo le parole di Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, che incitavano ad affondare le navi che salvano migliaia di vite ogni anno.

Ricordiamo il saluto romano fatto da Zamperini durante la commemorazione dei vili repubblichini fucilati allo stadio di Lecco. Ricordiamo anche la sua assidua presenza a manifestazioni contro l’autodeterminazione dei corpi, tanto contro l’aborto quanto contro l’eutanasia.

Ricordiamo il fascismo e cosa fece: milioni di morti, guerra, deportazioni.

Ricordiamo la lotta partigiana, che non si è certo liberata del nazi-fascismo senza l’uso della violenza.

Per questo non può che farci piacere sapere che personaggi come lui da oggi possano avere più paura ad andare in giro. Perché sulla strada, nei bar, al supermercato, c’è sempre il rischio che qualcuno ti mandi il conto dell’odio che fomenti!

E anche se non sappiamo e non vogliamo sapere chi sia stato, mandiamo “all’aggressore” la nostra più viva solidarietà e complicità.

P.S. si legge nelle pagine dei giornali che il caro Riccardo De Corato, un altro che in merito a mani sporche di sangue sa il fatto suo, rivela che l’assalitore sarebbe un “capo degli anarchici di Lecco”. Vogliamo semplicemente ricordare che gli anarchici non hanno capi! Se in questo mondo autoritario qualcuno necessita di gerarchia, disciplina e ordine, gli anarchici non sono tra quelli…la storia anarchica insegna! Forse sarebbe pretendere troppo pensare che sappia cosa dice?

 

Anarchiche e anarchici lecchesi (senza capi!)

un pugno in faccia

Solidarietà a Vince

Lo scorso 8 agosto, dopo una latitanza durata oltre 7 anni, è stato arrestato in Francia il compagno anarchico Vincenzo Vecchi. In seguito alla condanna a 11 anni e mezzo per “devastazione e saccheggio” per i fatti del G8 di Genova, Vince era infatti diventato irreperibile per lo Stato.

Una scelta ardua e coraggiosa, coerente con ciò che lui stesso dichiarò nell’aula di tribunale prima della sentenza: “…in quanto anarchico, ritengo i concetti borghesi di colpevolezza o innocenza totalmente privi di significato”. Quindi, una volta condannato definitivamente, ha deciso di partire, di non farsi acciuffare dai tanti apparati polizieschi che lo Stato gli ha sguinzagliato dietro.

Anni di clandestinità non devono essere stati facili, ma il modo in cui Vince ha affrontato la pena che lo Stato gli ha inflitto ci ha fatto sentire realmente complici con lui per la sua scelta.

Purtroppo il lavoro di Digos, Ucigos e tante altre merde ha portato alla sua cattura ed ora è prigioniero nel carcere di Rennes, in attesa della richiesta di estradizione in Italia dove dovrebbe scontare la condanna per la rivolta di Genova.

Spesso sentiamo scandire nei cortei “il nostro amore per la libertà è più forte di ogni autorità” ed è proprio questo amore che deve aver spinto alla scelta della latitanza. L’idea che ora il nostro compagno sia rinchiuso fra le quattro mura di un carcere ci colpisce al cuore, ma non ci abbatte; getta anzi benzina sul fuoco della lotta contro questo sistema.

Durante questi sette anni la forza della scelta radicale fatta da Vince ha dato alle lotte è stata fondamentale per alcuni e il fatto che lo Stato abbia faticato così tanto per riuscire a mettergli le catene rafforza l’immagine di un potere non sempre invincibile. La rabbia che percorre le nostre vene è tanta, ma questa rabbia non potrà che scatenarsi contro il potere e i suoi apparati, con sempre più vigore.

Quelle di Genova sono state giornate di lotta, di guerra al capitalismo, di rivolta contro l’esistente. Non possiamo quindi che riportare le parole dette da Vince nelle aule di tribunale: “Mi sono sempre assunto la piena responsabilità e le eventuali conseguenze delle mie azioni, compresa la mia presenza nella giornata di mobilitazione contro il G8 del 20 luglio 2001, anzi sono onorato di aver partecipato da uomo libero ad un’azione radicale collettiva, senza nessuna struttura egemone al di sopra di me.”

Vogliamo esprimere massima solidarietà a Vince, con la voglia di rivederlo al più presto al nostro fianco nella lotta per l’abbattimento di questo sistema.

Vince libero! Juan libero!

Morte allo Stato! Per l’anarchia!

 

Centro di documentazione anarchico “L’arrotino” di Lecco

VINCE LIBERO!

Ci teniamo, dopo il suo arresto avvenuto pochi giorni fa, a riportare la dichiarazione letta in aula da Vince durante il processo per i fatti di Genova 2001.

DEVASTATORE E SACCHEGGIATORE È LO STATO

Innanzitutto vorrei fare una breve premessa: in quanto anarchico, ritengo i concetti borghesi di colpevolezza o innocenza totalmente privi di significato. La decisione di voler dibattere in un processo di “azioni criminose” che si vogliono imputare a me e ad altre persone, e soprattutto l’esprimere qui le idee che caratterizzano il mio modo di essere e di percepire le cose, potrebbe essere oggetto di valutazioni sbagliate: è necessario quindi precisare da parte mia che lo spirito con cui rilascio questa dichiarazione, dopo anni di spettacolarizzazione mediatica dei fatti di cui si dibatte qui dentro, è quello in cui anche la voce di qualche imputato si faccia sentire. Con questo breve intervento comunque non cerco né scappatoie né giustificazioni: per me sarebbe assurdo anche il fatto che la corte decida che sia legittimo rivoltarsi non spetta ad essa. Rileggere dei fatti accaduti sotto una certa ottica, con un certo tipo di linguaggio (quelli della burocrazia dei tribunali per intenderci) non equivale solo a considerarli parzialmente, ma significa distorcerne la portata, la loro collocazione storica, sociale e politica, significa stravolgerli completamente da tutto il contesto in cui si sono verificati Quello che mi si contesta in questo processo, il reato di devastazione e saccheggio, implica secondo il linguaggio del codice penale che “una pluralità di persone si impossessa indiscriminatamente di una quantità considerevole di oggetti per portare la devastazione”: per questo tipo di reati si chiedono condanne molto alte, e questo nonostante non si tratti di azioni particolarmente odiose o crimini efferati. Mi sono sempre assunto la piena responsabilità e le eventuali conseguenze delle mie azioni, compresa la mia presenza nella giornata di mobilitazione contro il g8 del 20 luglio 2001, anzi sono onorato di aver partecipato da uomo libero ad un’azione radicale collettiva, senza nessuna struttura egemone al di sopra di me. E non ero solo, con me c’erano centinaia di migliaia di persone, ognuno che con i propri poveri mezzi, si è adoperato per opporsi a un ordinamento mondiale basato sull’ economia capitalista, che oggi si definisce neoliberista…la famigerata globalizzazione economica, che si erge sulla fame di miliardi di persone, avvelena il pianeta, spinge le masse all’ esilio per poi deportarle ed incarcerarle, inventa guerre, massacra intere popolazioni: questo è ciò che definisco devastazione e saccheggio. Con quell’enorme esperimento a cielo aperto fatto su Genova (nei mesi precedenti e nelle giornate in cui si tenne quella kermesse di devastatori e saccheggiatori di livello planetario) che qualche ritardatario si ostina ancora a chiamare gestione della piazza, è stato posto uno spartiacque temporale: da Genova in poi niente più sarebbe stato come prima, né nelle piazze né tanto meno nei processi a seguito di eventuali disordini. Si apre la strada con sentenze di questo tipo ad un modus operandi che diventerà prassi naturale in casi simili, cioè colpire nel mucchio dei manifestanti per intimorire chiunque si azzardi a partecipare cortei, marce, dimostrazioni… non credo sia fuori luogo parlare di misure preventive di terrorismo psicologico. Non starò qui a dibattere invece sul concetto di violenza, su chi la perpetra e su chi da essa si deve difendere e via dicendo: questo non per assumere atteggiamenti ambigui riguardo l’ utilizzo o meno di certi mezzi nella lotta di classe, ma perché reputo questa sede non adatta per affrontare un dibattito che è patrimonio del movimento antagonista al quale appartengo. Due parole in merito al processo alle forze di polizia. Si prova con il processo alle cosiddette forze dell’ordine a dare un senso di equità…i pubblici ministeri hanno voluto paragonare ad una guerra fra bande le violenze tra polizia e manifestanti: senza troppi giri di parole dico solo che io non mi sognerei mai di infierire vigliaccamente su persone ammanettate, inginocchiate, denudate, o in palese atteggiamento inoffensivo col preciso intento di umiliare nel corpo e nella mente… Sono ormai abituato a sentirmi paragonare a provocatore, infiltrato ecc ed è dura, ma essere paragonato ad un torturatore in divisa no… questa affermazione è a dir poco rivoltante! È degna di chi l’ha formulata. E poi allestire un processo a poliziotti e carabinieri, giusto per ricordare che siamo in democrazia significa ridurre il tutto ad un pugno di svitati violenti da una parte, e dall’altra a casi di eccessivo zelo nell’applicazione del codice. Questo, oltre ad essere sinonimo di miseria intellettuale, indica la debolezza delle ragioni per cui sprecarsi al fine di preservare l’attuale ordinamento sociale. Dal mio punto di vista processare la polizia parallelamente ai manifestanti significa investire le cosiddette forze dell’ordine di un ruolo troppo importante nella vicenda; significa togliere importanza ai gesti compiuti dalla gente che è scesa in strada per esprimere ciò che pensa di questa società, relegando tutti quanti nel proprio ruolo storico di vittime di un potere onnipotente. Carlo Giuliani, così come tanti altri miei compagni, ha perso la vita per aver espresso tutto ciò col coraggio e con la dignità che contraddistingue da sempre i non sottomessi a questo stato di cose e finché i rapporti tra le persone saranno regolati da organi esterni rappresentanti di una stretta minoranza sociale, non sarà l’ultimo. E siccome sono disilluso ed attribuisco il giusto significato al termine democrazia, l’idea che un rappresentante dell’ordine costituito venga processato per aver compiuto il proprio dovere mi fa sinceramente sorridere. Lo stato processa lo stato direbbe qualcuno a ragione. Sicuramente ci saranno delle condanne e non le vivrò di certo come segnale di indulgenza o di accanimento nei nostri confronti da parte della corte. Esse andranno valutate, in qualsiasi caso, come un attacco a tutti coloro che in un modo o nell’altro avranno sempre da mettere in gioco la propria esistenza al fine di stravolgere l’esistente nel migliore dei modi possibile.

Vincenzo Vecchi